Domenico Guaccero

Domenico Guaccero.

Domenico Guaccero (Palo del Colle, Bari, 11 aprile 1927 – Roma, 24 aprile 1984) è stato un compositore italiano tra i più rappresentativi della Nuova Musica negli anni ‘60 e ‘70. Nel 1948 si diplomò in pianoforte al Conservatorio di Bari e l’anno successivo si laureò in Lettere presso l’Università di Bari. Studiò composizione presso il Conservatorio di Santa Cecilia a Roma con Barbara Giuranna e Goffredo Petrassi, diplomandosi nel 1956. Dal 1957 al 1959 frequentò i Ferienkurse di Darmstadt da cui partì gran parte dell’impulso della Nuova Musica degli anni ‘50 e ‘60. Nel 1959 fondò assieme a Franco Evangelisti ed Egisto Macchi la rivista Ordini e curò le Settimane della Nuova Musica di Palermo. Evangelisti, Guaccero e Macchi, con l’aggiunta di altri compositori, fondarono a Roma l’Associazione Nuova Consonanza che in Italia sperimentò la musica aleatoria e le tecniche d’improvvisazione. È stato docente di composizione presso i conservatori di Pesaro, L’Aquila, Frosinone e Roma. Negli anni ‘60 fece parte, con Paolo Emilio Carapezza, Heinz-Klaus Metzeger, Mauricio Kagel e altri, della rivista palermitana Collage. Tra i pionieri della ricerca elettronica costituì nel 1957, con Goffredo Petrassi, Guido Turchi e altri compositori il Centro Elettronico dell’Accademia Filarmonica Romana; nel 1968, con Macchi, Evangelisti, Marinuzzi, Morricone e altri compositori a Roma, lo Studio R7 per la musica elettronica; nel 1972 con Luca Lombardi e Alvin Curran il Centro per la Musica Sperimentale che si occupava prevalentemente di musica elettronica e di teatro musicale da camera. Continua a leggere…

SCRITTI CRITICI
Egisto Macchi, Domenico Guaccero, in «Eupalino. Cultura della città e della casa», n. 6, 1985, pp. 58-61; anche in AA. VV., Egisto Macchi «ARCHIVIO, Musiche del XX secolo», CIMS, Palermo 1996
TEATROGRAFIA
teatrografia
Elenco delle opere riferite al teatro musicale, alla musica gestuale e alle composizioni realizzate per messe in scena.
BIBLIOGRAFIA
bibliografia
a cura di Daniele Vergni

Lascia un commento