Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa, AmletOne, 2015. Foto di Michele Tomaiuoli.
Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa, AmletOne, 2015. Foto di Michele Tomaiuoli.

AmletOne, 2015

AmletOne

di Marco Isidori, da William Shakespeare
con Paolo Oricco Amleto, Maria Luisa Abate Gertrude, L’Isi Claudio, Stefano Re Polonio, Valentina Battistone Laerte, Virginia Mossi Ofelia, Daniel Nevoso Orazio, Mario Elia Rosencrantz, Francesca Rolli Guildenstern, Coro dei Marcido Compagnia teatrale, Coro dei Marcido Spettro
in “sua” Perenne Postazione Sabina Abate
assistenti alla regia Daniel Nevoso e Barbara Chiarilli
luci Francesco Dell’Elba e Cristian Perria
scene e costumi Daniela Dal Cin
direzione di Marco Isidori
debutto Torino, Teatro Marcidofilm!, 23 novembre 2015

AmletOne! di Marco Isidori – ovvero come scardinare l’Amleto

di Fernando Mastropasqua

Essere: tosto problemaL’anima ci prendono a sassi che noi non riscagliamo…(Coro)

A Marco Isidori, cui si deve la drammaturgia e la regia dello spettacolo, ben si attaglia la battuta di Amleto: “Questo tempo è scardinato. Oh maledetto destino, che mai io sia nato per rimetterlo in sesto” (Amleto, I.5.196-197). Amleto non rimette il mondo sui cardini e Isidori dai cardini svelle anche il testo di Shakespeare. A differenza delle infinite versioni, in genere adattamenti con ampi tagli, qui c’è una vera e propria riscrittura del dramma. Le parole di Shakespeare muovono nuove parole. L’esempio più vicino, anche se sul piano meramente letterario, è la moralità di Jules Laforgue: Amleto o le conseguenze della pietà filiale, a cui guardò Carmelo Bene nei suoi primi spettacoli su Amleto.

Molte sono le invenzioni registiche che si susseguono in un flusso ininterrotto per tutto lo spettacolo, andato in scena a Torino nel 2015, nella sede del Teatro Marcidofilm!, come “una goccia di male spesso contamina tutto ciò che è nobile” (Amleto, I.4.36-37). Non è nelle mie forze, né nelle mie competenze poter restituire la complessità dello spettacolo. Mi limito a fare delle considerazioni solo su alcune soluzioni che, in base alla mia conoscenza del testo, mi sono apparse particolarmente intelligenti per una ennesima edizione del dramma.

Un grande frastuono a una corte di insetti

Non sempre i filologi o i registi hanno colto la particolare costruzione del I atto, che è pura e totale sonorità. Il pubblico elisabettiano presente al debutto (1603-4) fu accolto da un misterioso concerto di suoni, voci, rumori che accompagnavano gli avvenimenti raccontati: suoni di guerra, sferragliar di armature, martellar di chiodi sugli scafi, allarmi, voci concitate, esalazioni di accenti infernali, brindisi, borbottii di voci cortigiane, soffiar di venti, scalpiccii sugli spalti, sordi rigurgiti di un mare inquieto, vertiginosi silenzi. In AmletOne! la quieta attesa degli spettatori viene stravolta in terrore dall’improvviso sbucare di nove bocche da fuoco che lacerano la fragile cortina, minacciando il pubblico. Si rende così evidente che siamo nella tempesta di una guerra, e chi è seduto nelle poltroncine del teatro è il nemico. Non diversamente molti anni fa nell’Antigone del Living Theatre al pubblico, inconsapevole, fu assegnata la parte dell’esercito assediante. Credevano gli spettatori, accomodati nei confortevoli sedili, di essere al sicuro, al riparo di quanto succedeva sulla scena, come al cinema nel buio possiamo inorridire per quello che vediamo sullo schermo, senza il timore di essere risucchiati nelle azioni proiettate. Ma presto gli incauti spettatori si trovarono coinvolti nella guerra fratricida fra Tebe ed Argo che agitava la scena. Ma quel mitico scontro era più che un racconto antico da guardare con occhi neutrali. Ugualmente qui lo spettatore è trascinato nella saga del principe danese Amled di Saxo Gramaticus. Attraverso la riscrittura di Shakespeare, la storia è da secoli penetrata profondamente nell’immaginario contemporaneo.

Continua a leggere...

Documents are published in original language. In case the translation is present, both the original and the translation are published.

Poster
AmletOne
Drawings
AmletOne
disegni di Daniela Dal Cin
Script
Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa, AmletOne - testo verbale, dal programma di sala
Writings by artists and interviews
Photogallery
AmletOne
Foto di Michele Tomaiuoli
Video
AmletOne
video integrale dello spettacolo
Il settimanale
Puntata della rubrica della RAI-TGR Piemonte dedicata allo spettacolo AmletOne
di Sergio Ariotti
Memo - RAI 5
puntata dedicata allo spettacolo AmletOne
Audio
Il suggeritore
rubrica di Radio Popolare
puntata del 28 novembre 2015 con la recensione di Sandro Avanzo sullo spettacolo AmletOne
Reviews
Gian Luca Favetto, A Torino il teatro off ha un indirizzo straordinario, «Il Venerdì», 6 novembre 2015
Anna Bandettini, Marcido a Torino Trent’anni di impegno, «la Repubblica», 29 novembre 2015
Mariateresa Surianello, AmletOne! Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa in una variazione sull’opera del Bardo, «il Manifesto», 28 novembre 2015
Maria Grazia Gregori, Amleto, principe con la tuta «l’Unità», 30 novembre 2015
Magda Poli, Shakespeare, tragedia riscritta con ironia, «Corriere della sera», 3 dicembre 2015
Renato Palazzi, Marcido, AmletOne geniale, «Il Sole 24 Ore», 6 dicembre 2015
Osvaldo Guerrieri, Shakespeare reinventato nel quartiere dalle cento etnie, «La Stampa», 26 gennaio 2016
Useful links

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.