Mimmo Cuticchio e i suoi pupi

Mimmo Cuticchio

Perdomàni. Biografia minima di Mimmo Cuticchio

di Valentina Venturini
Il racconto della vita e dell’arte di Mimmo Cuticchio inizia da lontano, dalle sue origini, dai suoi antenati, da quelli che la sua famiglia ha scelto come progenitori: pupi e pupari, compagni di vita, di viaggio, e maestri dell’Arte.
Il padre Giacomo (1917-1985), celebre oprante camminante e “iniziatore” dell’Arte di famiglia, la passione per i pupi l’aveva avuta fin da piccolo: a poco meno di otto anni, quando il padre decise di “avviarlo” ad un mestiere, scelse di fare il fabbro, «perché voleva costruirsi i ferri e le teste dei pupi». Quando sentì di essere vicino alla realizzazione del suo sogno, avvertì la necessità di un maestro e scelse «il più grande»: Achille Greco (1856-1937), figlio del leggendario Don Gaetano (1813-1874), il Cristoforo Colombo dell’Opera dei Pupi.
Se a Don Gaetano va il merito di aver iniziato e reso immortali i pupi di Sicilia, proclamati dall’Unesco “Patrimonio orale e immateriale dell’umanità” (2001), ai suoi figli (Nicolò e Achille) e ai nipoti (Ermenegildo e Alessandro), va quello di aver arricchito e contaminato il teatro dei Pupi studiando modifiche tecniche, strutturali e testuali necessarie a difendere sin da subito la vita di un genere che già a pochi anni dalla nascita rischiava di esser soffocato dalla sua stessa tradizione. Con Achille i pupi, nel corso delle battaglie, muoiono veramente: i corpi si spezzano in due, le teste saltano e dalle ferite sgorga sangue rosso e copioso. Nel corso degli assalti e degli incendi la scena fiammeggia e, quando l’azione si svolge nei pressi di una fonte, l’acqua zampilla veramente. Con Ermenegildo e Alessandro il repertorio si amplia e sconfina: alle storie dei Reali di Francia e a quelle “speciali” di santi e briganti, se ne alternano altre, nuove, scritte per un pubblico più ampio che, oltre a uomini e ragazzi, vuole comprendere (e non più solo occasionalmente) donne e bambini. Le musiche sono suonate dal vivo, da un’orchestra di diversi elementi (pianoforte, violini, violoncello, tromba e batteria); il teatrino viene montato sui palcoscenici dei grandi teatri di prosa e l’organico della “compagnia” si amplia a dismisura: ai pupi paladini i Greco affiancano i “mille fantocci”, marionette non armate con piedi snodabili capaci di danzare sulle punte, roteare sul trapezio, camminare in equilibrio su un filo, scomparire in una botte. Comprendono, sin dall’inizio, il vero segreto del teatro, che è quello di contaminare tradizione e innovazione, forma e vita, per scoprire la tradizione del teatro: l’arte di tener desti i sensi dello spettatore, per svegliargli la sfera del cuore e quella della testa. Cosa che non riesce se non c’è la fede nel proprio mestiere e, insieme, la passione: quella che passa dall’oprante-puparo al pupo e poi dal pupo allo spettatore.
Mimmo Cuticchio nasce da questa fede e da questa passione. Continua a leggere…

I documenti sono pubblicati in lingua originale. Dove presente, sono pubblicati tradotti con originale allegato.

Scritti degli artisti
Mimmo Cuticchio, I figli d’arte in Aa. Vv., Album di famiglia. Cinquanta anni di attività di Giacomo Cuticchio, Palermo, Associazione Figli d’Arte Cuticchio, 1984
Mimmo Cuticchio, Quasi un racconto, Programma di sala 1989
Mimmo Cuticchio, Avanguardia e tradizione, «Primafila», n. 80, gennaio 2002
Mimmo Cuticchio, Dal cunto al teatro, «Dioniso» annale della Fondazione Inda, n. 1 – 2002 (nuova serie), Palermo, Palumbo editore
Mimmo Cuticchio, Lettere a voce, lettere scritte, racconti, viaggi. Da una tradizione a la tradizione del teatro, in Valentina Venturini (a cura di), Dal Cunto all’Opera dei Pupi, Roma, Dino Audino editore, 2003
Scritti critici
Valentina Venturini, Tra fili e soffi. L’arte del narrare. Racconti appesi a un filo, «Primafila», n. 48, ottobre 1998
Vincenzo Consolo, In principio fu il racconto, «Primafila», n. 48, ottobre 1998
Ferdinando Taviani, Sul nostro rispetto, «Primafila», n. 48, ottobre 1998
Franco Ruffini, Lontane vicinanze, «Primafila», n. 48, ottobre 1998
Franco Ruffini, L’Arca di Noè. Visita guidata. Viaggio per parole e immagini nel teatro di Mimmo Cuticchio e Salvo Licata, «Primafila», n. 83, aprile 2002
Ferdinando Taviani, L’essenza del legno, in Maurizio Buscarino, Dei Pupi, Milano, Mondadori/Electa, 2003
Valentina Venturini, Quando i pupi mi sembravano giganti. Il “Macbeth” di Mimmo Cuticchio, «Primafila», n. 94, aprile 2003
Valentina Venturini, Dal Cunto all’Opera dei Pupi, in Valentina Venturini (a cura di), Dal Cunto all’Opera dei Pupi, Roma, Dino Audino editore, 2003
Franco Ruffini, Il posto di Mimmo Cuticchio, in Valentina Venturini (a cura di), Dal Cunto all’Opera dei Pupi, Roma, Dino Audino editore, 2003
Nicola Savarese, Lettera a un burattinaio indiano, in Valentina Venturini (a cura di), Dal Cunto all’Opera dei Pupi, Roma, Dino Audino editore, 2003
Valentina Venturini, Di padre in figlio. Le ali della tradizione, in Valentina Venturini (a cura di), Dal Cunto all’Opera dei Pupi, Roma, Dino Audino editore, 2003
Franco Ruffini, Il racconto sommerso. Sulle orme del maggiordomo di Stanislavskij, in Roberto Giambrone (a cura di), I sentieri dei narratori, Palermo, Associazione Figli d’Arte Cuticchio, 2004
Valentina Venturini, A occhi chiusi: la doppia visione del «cunto», «Teatro e Storia», n. 25, anno XVIII, Roma, Bulzoni editore, 2004
Claudio Meldolesi, Un artista del passato-futuro e la sua biografia, in Chiara Andrich, Il teatro di Mimmo Cuticchio, Palermo, Associazione Figli d’Arte Cuticchio – Officine Grafiche Riunite, 2006
Ferdinando Taviani, A cosa servono i paladini, in L’Indice dei libri del mese, a. XXVIII, n. 6 (giugno 2011)
Ferdinando Taviani, Quel che dice Perdomani, O a Palermo, o all’inferno, programma di sala, 2011
Ferdinando Taviani, Don Giovanni all’Opera dei Pupi e qualche eresia, in Ferdinando Taviani, Col naso per aria. Cronache teatrali tra Novecento e Duemila, «Teatro e Storia on line», sezione “Materiali” – “Qu-Books – Libri quasi pronti per la pubblicazione"
Valentina Venturini, Le domande degli artisti. I “pupi” del «Don Chisciotte», «Teatro e Storia», vol. 36, Annale 2015, Roma, Bulzoni editore, 2015
Ferdinando Taviani, Un maestro del teatro italiano, in Roberto Giambrone (a cura di), Visita guidata: viaggio per parole e immagini nel teatro di Mimmo Cuticchio e Salvo Licata, Palermo, Associazione Figli d'arte Cuticchio e Ministero per i beni e le attività culturali, dipartimento dello spettacolo, ufficio centrale per i beni librari e gli istituti librari, 2001
Galleria fotografica
La spada di Celano
1983
L'infanzia di Orlando
1990
Macbeth per Pupi e Cunto
2001
Don Giovanni all’Opera dei Pupi
Palermo. Teatro Bellini
2002
Il Risveglio di Don Chisciotte
2005
O a Palermo o all’inferno. Ovvero lo sbarco di Garibaldi in Sicilia
2011
Teatro dei Pupi Santa Rosalia
dell’Associazione Figli d’Arte Cuticchio
aperto da Mimmo Cuticchio nel 1973
Teatrografia
teatrografia
a cura di Valentina Venturini
Filmografia e videografia di Mimmo Cuticchio
teatrografia
a cura di Valentina Venturini
Bibliografia
bibliografia
a cura di Valentina Venturini
Links utili

Lascia un commento