Domenico Guaccero

Domenico Guaccero

Domenico Guaccero (Palo del Colle, Bari, 11 aprile 1927 – Roma, 24 aprile 1984) è stato un compositore italiano tra i più rappresentativi della Nuova Musica negli anni ‘60 e ‘70. Nel 1948 si diplomò in pianoforte al Conservatorio di Bari e l’anno successivo si laureò in Lettere presso l’Università di Bari. Studiò composizione presso il Conservatorio di Santa Cecilia a Roma con Barbara Giuranna e Goffredo Petrassi, diplomandosi nel 1956. Dal 1957 al 1959 frequentò i Ferienkurse di Darmstadt da cui partì gran parte dell’impulso della Nuova Musica degli anni ‘50 e ‘60. Nel 1959 fondò assieme a Franco Evangelisti ed Egisto Macchi la rivista Ordini e curò le Settimane della Nuova Musica di Palermo. Evangelisti, Guaccero e Macchi, con l’aggiunta di altri compositori, fondarono a Roma l’Associazione Nuova Consonanza che in Italia sperimentò la musica aleatoria e le tecniche d’improvvisazione. È stato docente di composizione presso i conservatori di Pesaro, L’Aquila, Frosinone e Roma. Negli anni ‘60 fece parte, con Paolo Emilio Carapezza, Heinz-Klaus Metzeger, Mauricio Kagel e altri, della rivista palermitana Collage. Tra i pionieri della ricerca elettronica costituì nel 1957, con Goffredo Petrassi, Guido Turchi e altri compositori il Centro Elettronico dell’Accademia Filarmonica Romana; nel 1968, con Macchi, Evangelisti, Marinuzzi, Morricone e altri compositori a Roma, lo Studio R7 per la musica elettronica; nel 1972 con Luca Lombardi e Alvin Curran il Centro per la Musica Sperimentale che si occupava prevalentemente di musica elettronica e di teatro musicale da camera. Continua a leggere…

I documenti sono pubblicati in lingua originale. In caso si sia reperita la traduzione, vengono pubblicati sia l'originale che la traduzione.

Scritti critici
Egisto Macchi, Domenico Guaccero, in «Eupalino. Cultura della città e della casa», n. 6, 1985, pp. 58-61; anche in AA. VV., Egisto Macchi «ARCHIVIO, Musiche del XX secolo», CIMS, Palermo 1996
Teatrografia
teatrografia
Elenco delle opere riferite al teatro musicale, alla musica gestuale e alle composizioni realizzate per messe in scena.
Bibliografia
bibliografia
a cura di Daniele Vergni

Lascia un commento