Fanny & Alexander

Fanny & Alexander

Fanny & Alexander – Note biografiche
a cura di Alice Fadda
Chiara Lagani e Luigi De Angelis fondano Fanny & Alexander a Ravenna nel 1992 nei corridoi del Liceo Classico Dante Alighieri. Ricorda Chiara Lagani: «Luigi frequentava i laboratori teatrali di Ermanna Montanari al Liceo Classico, dove studiavamo entrambi. Ogni tanto andavo a vedere le prove. Un giorno – io scrivevo, semplicemente perché volevo farlo – durante un intervallo dissi a Luigi: “Ho scritto questo testo, mi piacerebbe che tu lo leggessi”. Poco tempo dopo, suona la campanella, lui arriva e mi dice “Dai, facciamolo”. Così abbiamo cominciato. È nato come un gioco, non avrei mai pensato di fare teatro nella mia vita».
Più che gruppo teatrale i due hanno da sempre preferito definirsi come una Bottega d’Arte, «nel senso rinascimentale del termine, quando nella bottega si radunavano persone di tutte le estrazioni che contribuivano alla crescita e allo scambio di idee». Infatti nel corso degli anni ai due ravennati, si sono affiancate diverse personalità: gli attori Marco Cavalcoli, Jacopo Pranzini, Simona Morgagni, Davide Savorani e Sara Circassia, Francesca Mazza, Fiorenza Menni, ma anche artisti visivi, uno su tutti Stefano Cortesi, scrittori e perfino studiosi come Stefano Bartezzaghi, Marco Belpoliti e Margherita Crepax. Il nome di Fanny & Alexander prende ispirazione dal celebre e omonimo film del regista svedese Ingmar Bergmann, per le varie tematiche presenti nell’opera filmica: l’infanzia in contrapposizione con il mondo degli adulti, la vita e la morte, la vita e l’arte, e più nello specifico il teatro, temi che da sempre tormentano i due ravennati. Continua a leggere…

SCRITTI CRITICI
Stefania Chinzari e Paolo Ruffini, Fanny & Alexander, in S.Chinzari, P. Ruffini, Nuova scena italiana. Il teatro dell'ultima generazione, Castelvecchi, Roma, 2000.
GALLERIA FOTOGRAFICA
Fanny & Alexander
foto di Enrico Fedrigoli
Tutti i diritti riservati
TEATROGRAFIA
teatrografia
a cura di Alice Fadda
BIBLIOGRAFIA
bibliografia
a cura di Alice Fadda

Lascia un commento