Roberto Latini

Roberto Latini – Note biografiche
a cura di Francesca Bini
Roberto Latini nasce il 7 giugno del 1970 a Roma, dove svolge la sua formazione d’attore frequentando lo Studio di Recitazione e di Ricerca Teatrale “Il Mulino di Fiora” – diretto da Perla Peragallo – in cui si diploma nel 1992.
La modalità di trasmissione dell’agire e del pensiero teatrale della Peragallo, il clima creativo interno alla scuola e le possibilità di relazione offerte si rivelano fondamentali per l’inizio del suo percorso artistico. Qui avviene anche la conoscenza con Leo de Berardinis e con alcuni fra gli artisti che Latini ha poi avuto modo di rincontrare nel corso della propria ricerca.
Successivi al diploma sono i lavori d’esordio prodotti dall’Associazione Teatro Es. Fra questi Clessidra con il quale, nel 1994, comincia la collaborazione con il musicista e compositore Gianluca Misiti, di lì a poco suggellata dal nome d’arte “Clessidra Treatro”, nome da cui affiorano i primi confronti con l’immaginario di un autore caro come Alfred Jarry.
In questi anni Latini inizia a porre le basi per lo sviluppo di una personale pratica drammaturgica. Una pratica di scrittura mai disgiunta dal corpo-voce dell’attore, elaborata soprattutto attraverso un approfondito dialogo con i testi shakespeariani – la loro riscrittura scenica – e una costante relazione con la musica: «La scrittura è corpo in movimento. È corpi. Capaci della leggerezza d’un respiro e allo stesso tempo macchine perfette». Continua a leggere…

SCRITTI DEGLI ARTISTI
Roberto Latini, Teatro come IPERCORPO (o della speranza d'un iperspirito), in Paolo Ruffini (a cura di), Ipercorpo. Spaesamenti nella creazione contemporanea, Editoria&Spettacolo, Roma 2005
Roberto Latini, Il teatro siamo, scritto in occasione della presentazione della stagione teatrale 2008/2009 del Teatro San Martino di Bologna, «www.fortebraccioteatro.com»
Roberto Latini, DirezioneArtistica è una parola sola, scritto in occasione di "Potere senza potere", Santarcangelo Festival 08, in «www.altrevelocita.it»
Roberto Latini, In silenzio e in coro, in Valentina Valentini, Drammaturgie sonore. Teatri del secondo Novecento, Bulzoni, Roma 2012
SCRITTI CRITICI
Antonio Audino, Abitare la propria anomalia, in Katia Ippaso (a cura di), Io sono un'attrice. I teatri di Roberto Latini, Editoria&Spettacolo, Riano (RM) 2009
Paola Quarenghi, Un magnifico standard (Variazioni Shakespeariane), in Katia Ippaso (a cura di), Io sono un'attrice. I teatri di Roberto Latini, Editoria&Spettacolo, Riano (RM) 2009
Attilio Scarpellini, Fanciullo, in Alfred Jarry/Roberto Latini. Ubu Roi, libretto di sala, Teatro Metastasio Stabile della Toscana, 2012
Francesca Bini, Serena Terranova, In ascolto, in scena, conversazione con Roberto Latini, «www.altrevelocita.it»
TEATROGRAFIA
teatrografia
a cura di Francesca Bini
BIBLIOGRAFIA
bibliografia
a cura di Francesca Bini

Lascia un commento